Tira...baralla

Tira...baralla

Il Ristorante Pizzeria Tira...baralla è un antico ritrovo dei più autentici sapori toscani.

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini è un ristorante di nuova apertura;

Fattoria Fabiocchi

Fattoria Fabiocchi

Genuinità e gusto, piatti tradizionali e sapori autentici, da sempre caratterizzano le proposte dell'agriturismo Fattoria Fabiocchi.

Il Terrazzino

Il Terrazzino

Il Ristorante " Il Terrazzino" è un locale accogliente dove poter trascorrere le vostre serate in modo spensierato gustando pietanze ben preparate in un'atmosfera rilassata.

Fuori le Mura

Fuori le Mura

Il Ristorante Fuori le Mura prende il nome dalla posizione in cui è situato, a ridosso delle antiche mura di Potenza, appunto delizia i palati dei propri clienti fin dal 1965.

Dolce Vita

Dolce Vita

A due passi da piazza Garibaldi, in centro a Parma, e precisamente in via Farini, zona della movida parmense;

Barbè

Barbè

Il Ristorante Pizzeria Barbè è aperto dal 1992, è stato premiato, oltre che dalla fedeltà dei clienti affezionati, anche dal Gambero Rosso, come una delle 200 pizzerie da provare in tutta Italia.

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

lingue-procidaneLa prima volta che assaggiai le lingue di bue non ricordo quante ne mangiai….troppe ! Sono irresistibili queste delizie originarie di Procida, anche Elsa Morante e Alberto Moravia,che erano frequentatori dell’isola,erano soliti assaggiare questa delizia nei bar della Marina .Vengono anche chiamate lingue della suocera,comunque sia loro bontà è divinamente semplice,se non le avete mai gustate è arrivato il momento di farlo ! :) L’ esecuzione è molto semplice e non richiede molto tempo . Magari potreste prepararle anche durante le prosssime festività,il consiglio ? Abbondate con le quantità perchè spariscono in fretta !

 

Ingredienti per circa una dozzina di lingue : Gr 500 di pasta sfoglia (potete utilizzare quella surgelata ) – gr 400 di crema pasticciera al limone che abbia una buona consistenza – 1 tuorlo per spennellare la superficie – un albume per sigillare i bordi – gr 500 di zucchero

Ingredienti per la crema : gr 400 litro di latte- 3 tuorli -1 buccia di limone (sottile senza il bianco ) zucchero gr 150 -Amido di mais gr 40 (oppure farina ) – 3 cucchiai di succo di limone (io ho usato il succo di limone Polenghi )o un cucchiaio di pasta di limone – Vaniglia 1 bustina ,o stecca di vainiglia come regola detta

Procedimento per crema al limone : In una casseruola unire i rossi con lo zucchero e con un mestolo di legno girare sempre nello stesso senso fino a che diventa spumoso e chiaro il composto ,dopo aver sciolto l’amido in un po’ di latte versarlo sulle uova (mescolare sempre nello stesso senso mi raccomando )e aggiungere il latte rimanente,la buccia di limone (stando a attenti a non tagliare anche la parte bianca del limone ) e la vainiglia raccolta incidendo per la lunghezza la bacca e prelevandone il contenuto raschiandolo con una lama,aggiugere il succo di limone e mettere sul fuoco a fiamma dolce e sempre mescolando lasciare che si addensi bene,dopo togliere subito la buccia (potrebbe diventare amara )

Procedimento per le lingue : Stendiamo la pasta sfoglia con uno spessore di 3 mm,ritagliamo un numero pari di grandi ovali che abbiano una forma di lingua di una lunghezza di circa 12 cm ,ora stendiamo una striscia di crema abbondante nel centro lasciando i bordi liberi che andremo a spennellare con l’albume,prendiam un altro ovale e pennelliamolo sempre con albume da un lato passiamolo nello zucchero in modo che si “incolli ” ,ora sovrapponiamola sulla lingua con la crema sigilliamo bene i bordi premendo e bucherelliamo la superficie e pennelliamo in modo uniforme con il tuorlo , spolverizziamolo con abbondante zucchero,disponiamo tutte le lingue su una teglia con carta forno ed inforniamo in forno preriscaldato a 200° per circa 20° fino a quando la superficie risulterà di un bel color oro .Lasciate raffreddare prima di servire .

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Questo delizioso dolce francese,nato da un errore prende il nome da Caroline e Stephanie Tatin,due sorelle che gestivano un Hotel à Lamotte-Beuvron, in pratica sembra che nel preparare in tutta fretta una crostata di mele,inforno’ le mele dimenticandosi [...]
La prima volta che assaggiai le lingue di bue non ricordo quante ne mangiai….troppe ! Sono irresistibili queste delizie originarie di Procida, anche Elsa Morante e Alberto Moravia,che erano frequentatori dell’isola,erano soliti assaggiare questa delizia [...]
La rivisitazione autunnale della classica bolognese è strepitosa.
Una ricetta napoletana doc è senz’altro quella delle Melanzane a Scarpone (Mulignan a’ Scarpon).
Una ricetta napoletana strepitosa.
La frittata è fatta! E’ un’espressione che indica che ormai quel che fatto è fatto, non si può più tornare  indietro.
In Friuli Venezia Giulia il pranzo di Natale ha come protagonista oltre alla trippa, la brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino.
Contiene zero grassi e pochissime calorie.
Dal profondo e rovente Sud Siculo  una ricetta saporita, semplice e veloce. La materia prima è reperibile in internet o nei negozi specializzati della vostra città.             STAGIONE: estate   INFORMAZIONI 2 [...]
Un primo piatto o meglio un piatto unico, di facile preparazione e dal sapore di mare.
Voglia di mediterraneo? Niente di meglio che un bel risotto magari da gustare freddo e come piatto unico di ritorno da una lunga giornata di mare.
Una ricetta d’autunno, dopo l’afa estiva e con l’arrivo dei primi temporali, vien voglia di gustare qualcosa di caldo per temprarsi un po’.
Gli amanti della millefoglie dolce non potranno non apprezzare ed essere conquistati da questa variante salata.
Correva l’anno 1250, quando Manfredi di Svevia, re di Sicilia, in guerra contro il papato, arrivava nel Sannio.
Una ricetta d’autunno, dopo l’afa estiva e con l’arrivo dei primi temporali, vien voglia di gustare qualcosa di caldo per temprarsi un po’.
Cucinare è il vostro hobby preferito?
Insieme ai Natalin, ossia i maccheroni, i ravioli alla genovese hanno da sempre aperto il pranzo di Natale ligure.
Sua maestà il pomodoro ha infiniti impieghi in cucina.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)