Cà Rossa

Cà Rossa

Alla Cà Rossa si respira aria di casa. Walter e il suo staff lavorano insieme dal 1989 quando venne aperto il primo locale, lo storico "Chez Nous" di Marina di Ravenna.

Due Torri

Due Torri

Dopo il terremoto del 1980, nasce a Potenza, in un'antica torre aragonese nel centro storico della città, il Ristorante Due Torri  e subito diventa  un punto di riferimento sul...

Il Patriarca

Il Patriarca

L'ambiente familiare e al contempo elegante vi farà sentire come a casa vostra, con l'aggiunta di quei comfort che soltanto un ristorante sa regalarvi.

De' Ja' Vu

De' Ja' Vu

De' Ja' Vu si trova a Ferrara e offre servizio di ristorante, pizzeria e caffetteria.

Redibis

Redibis

Redibis è un ristorante pizzeria di Potenza che propone:

La Stazione

La Stazione

Nasce nel 1983 il nuovo Ristorante Pizzeria La Stazione.

Cucina sarda e Napoli-Juve al Menhir

Cucina sarda e Napoli-Juve al Menhir

Una serata speciale alla Taverna Pub Menhir di Napoli (Via Giotto 14-18) in occasione del big match del campionato di calcio di Serie A tra Napoli e Juventus. Tutti davanti allo schermo a tifare,...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

trippamilanIn Lombardia e in special modo nella città di Como dopo la messa di mezzanotte è tradizione mangiare la busecca. La busecca è un zuppa di trippa dalla preparazione storica e l’origine contadina.

STAGIONE

Autunno-Inverno

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà media

Preparazione 15 minuti

Cottura 85 minuti

INGREDIENTI

Pancetta

Acqua calda q.b

Parmigiano reggiano grattugiato

30 gr di burro

1 cipolla

1 carota

3 chiodi di garofano

3-4 cucchiai di passata pomodoro

4 foglie di salvia

1 costa di sedano

2-3 palline di ginepro

200gr di fagioli bianchi lessati di Spagna

700 gr di trippa

PREPARAZIONE

Tritare finemente cipolla, carota e sedano e riporli da parte. Fare soffriggere la pancetta con il burro, poi aggiungere il soffritto di verdure, la salvia, il ginepro e i chiodi di garofano. Quando il soffritto sarà pronto aggiungere la trippa tagliata a pezzettini non molto grossi, fatela asciugare e poi unite qualche cucchiaio di passata, pepate e aggiungete un po’ d’acqua per consentire la cottura prolungata. Cuocere per almeno un’ora a fuoco moderato, senza farla asciugare troppo, dopo di che aggiungere i fagioli bianchi in scatola, rimescolare per un quarto d’ora fino a quando non risulterà densa. Servite la trippa in ciotole di cotto con crostini di pane e un’ampia spolverata di parmigiano.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

La ricetta riportata di seguito è una rivisitazione di quella mantovana.
A Novembre le vostre tavole saranno abbellite e gustose con questo prezioso “fiore d’inverno” il radicchio.
Una ricetta che conquisterà i vostri ospiti soprattutto se vegetariani.
Questi cannelloni, sono una ricetta tradizionale della Campania, molto cucinata nel periodo di Ognissanti.
Come stuzzicante aperitivo per 4 persone, tagliare gli involtini a rondelle e servirli con una manciata di timo. Si possono anche preparare un giorno prima e lasciarli in frigorifero fino al momento di gratinarli.   STAGIONE Marzo, aprile, [...]
Per festeggiare un’occasione speciale non c’è niente di meglio che un buon piatto di lasagne.
Un primo piatto “povero” della cucina toscana, dall’origine certamente contadina.
Un sugo che si ispira alla famosa insalata caprese, composta di mozzarella, pomodori, olio d’oliva e origano.
Sulla tavola di Natale imbandita a festa a Roma non può mancare la portata costituita dalle puntarelle.
Questa di seguito è la ricetta per preparare una cotoletta speciale.
Voglia di mediterraneo? Niente di meglio che un bel risotto magari da gustare freddo e come piatto unico di ritorno da una lunga giornata di mare.
Un primo piatto o meglio un piatto unico, di facile preparazione e dal sapore di mare.
Questa pietanza, a seconda del proprio gusto, può essere consumata come primo piatto, ma anche come secondo.
I fichi, un frutto che ogni settembre non dovrebbe mancare sulle nostre tavole.
Un primo piatto “povero” della cucina toscana, dall’origine certamente contadina.
Correva l’anno 1250, quando Manfredi di Svevia, re di Sicilia, in guerra contro il papato, arrivava nel Sannio.
Un piatto di carne facile da fare ed adatto ai bambini se preparato con un sugo semplice.
Una ricetta d’autunno, dopo l’afa estiva e con l’arrivo dei primi temporali, vien voglia di gustare qualcosa di caldo per temprarsi un po’.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)