La Stazione

La Stazione

Nasce nel 1983 il nuovo Ristorante Pizzeria La Stazione.

Torna la serata dedicata al baccalà

Torna la serata dedicata al baccalà

A grande richiesta, ritorna la serata dedicata interamente all'arte del baccalà presso la Trattoria Scugnizzi (Via Caldieri 53/61). Mercoledì 17 aprile, a partire dalle ore 20.30, un menu...

Add'o Guaglione

Add'o Guaglione

La pizza “Champions”? Solo Add’o Guaglione Il “maestro” della pizza fritta con il Napoli nel cuore. Add’o Guaglione, storica pizzeria di via Consalvo a Fuorigrotta gestita da Salvatore...

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini è un ristorante di nuova apertura;

Da Mario

Da Mario

Il ristorante Da Mario è collocato nel centro storico di Matera e nasce nel 1951.

Il Carpaccio

Il Carpaccio

Il "Carpaccio" nasce con l'intenzione di creare un dinamico ristorante & pizzeria;

Ritorna la Sagra del Mare Flegrea

Ritorna la Sagra del Mare Flegrea

La Sagra del Mare Flegrea è arrivata, quest’anno, alla sua XXIII edizione, nella splendida cornice di Monte di Procida, conosciuta come la "terrazza dei Campi Flegrei".L’evento è ormai...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

carbonataE’ un piatto tipico della Val d’Aosta, spesso proposto durante le festività natalizie. Una ricetta laboriosa e sostanziosa, composta di carne stufata a lungo, con aggiunta di vino, verdure ed aromi, spesso la si serve accompagnata con polenta calda e cipolline stufate.

STAGIONE

Inverno

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà media

Preparazione 20 minuti

Cottura 2 h marinatura

INGREDIENTI

80 gr di lardo salato

1kg di polpa di manzo magro

1 bottiglia di pinot nero della val d’Aosta o Barbera o Nebbiolocipolla

2 belle cipolle chiare

1 mazzetto di erbe aromatiche assortite

2 spicchi d’aglio

1 cucchiaino di bacche di ginepro

4 chiodi di garofano

Sale e pepe di mulinello

PREPARAZIONE

Tagliare la carne a bastoncini di circa 1 cm x 4 e raccoglietela in una ciotola. Unirvi i chiodi i garofalo, le bacche, l’aglio e le erbe legate a mazzetto e bagnate nel vino. Coprite la ciotola e lasciate marinare la carne in frigo per alcune ore o per tutta la notte. Trascorso questo tempo, sgocciolatela e tamponatela con della carta assorbente. Fate spumeggiare il burro in un tegame a fondo pesante e fate soffriggere dolcemente il lardo, tagliato in dadini minuscoli insieme al mazzetto di aromi ben asciugato. Quando il lardo sarà ben fuso, infarinate leggermente i bastoncini di carne,alzate la fiamma e fateli rosolare. Quando risulteranno coloriti con la schiumarola toglieteli e versate nel tegame la cipolla a dadini. Mescolate spesso, quando la cipolla sarà colorata, rimettete la carne e aggiungete abbondante sale e pepe. Mescolate ancora e dopo un altro minuto di fuoco vivace, bagnate la carne con 1/3 del vino rimasto dalla marinatura, filtrato. Quando riprende l’ebollizione, abbassare la fiamma e proseguire la cottura, senza coperchio, per circa un’ora e mezzo, continuando ad aggiungere, poco per volta, altro vino. La carne alla fine dovrà essere tenera e con un sugo abbondante, scuro e ristretto il giusto.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Contiene zero grassi e pochissime calorie.
Ora che sul banco del mercato ricompaiono i gustosi e tipici friarielli napoletani, cimentatevi in questa variante della ricetta che vuole le orecchiette sposarsi con le cime di rapa.
E’ un piatto tipico della Val d’Aosta, spesso proposto durante le festività natalizie.
Questi cannelloni, sono una ricetta tradizionale della Campania, molto cucinata nel periodo di Ognissanti.
Un ragù reso ancora più gustoso dalla presenza delle salsicce e dei funghi.
Per sfiziosi Happy  hour approfittando di scampoli d’estate.
La tiella gaetana è uno di quei piatti da provare almeno una volta; semplice nell’aspetto (non è altro che una focaccia farcita), è però in grado di soddisfare chiunque e al tempo stesso di saziare, essendo un tipico piatto unico. Ciò è dovuto al [...]
Un ragù reso ancora più gustoso dalla presenza delle salsicce e dei funghi.
Un ingrediente di stagione per preparare un piatto unico o un contorno sfizioso.
I fichi, un frutto che ogni settembre non dovrebbe mancare sulle nostre tavole.
In Umbria a Natale al cappone non si può proprio rinunciare.
Questo delizioso dolce francese,nato da un errore prende il nome da Caroline e Stephanie Tatin,due sorelle che gestivano un Hotel à Lamotte-Beuvron, in pratica sembra che nel preparare in tutta fretta una crostata di mele,inforno’ le mele dimenticandosi [...]
A Novembre le vostre tavole saranno abbellite e gustose con questo prezioso “fiore d’inverno” il radicchio.
In Italia la pesca di questo pesce avviene durante il periodo estivo, soprattutto  nello specchio di mare antistante lo stretto di Messina, perchè essendo il suo periodo di riproduzione si avvicina moltissimo alle coste.
Presente in particolar modo nella cucina veneta, la salsa di cren è amata dagli estimatori dei sapori forti e decisi.
Un antipasto o un secondo piatto ideale per questa stagione fredda.
Per sfiziosi Happy  hour approfittando di scampoli d’estate.
I cappelletti in brodo sono un piatto classico del Natale toscano e romagnolo e di altre occasioni festive, come la Pasqua.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)