San Martè

San Martè

San Martè è un locale familiare ed accogliente, ideale per una cena in compagnia e tra amici.

Barbè

Barbè

Il Ristorante Pizzeria Barbè è aperto dal 1992, è stato premiato, oltre che dalla fedeltà dei clienti affezionati, anche dal Gambero Rosso, come una delle 200 pizzerie da provare in tutta Italia.

O' Munaciello

O' Munaciello

Un ristorante-pizzeria ambientato in un antico convento del 1600 di Santo Spirito, quartiere popolare per eccellenza con le sue vecchie botteghe di artigiani ed umanità varia.

Fattoria Fabiocchi

Fattoria Fabiocchi

Genuinità e gusto, piatti tradizionali e sapori autentici, da sempre caratterizzano le proposte dell'agriturismo Fattoria Fabiocchi.

Pizza World Show: a Parma partecipera' Associazione Verace Napoletana

Pizza World Show: a Parma partecipera' Associazione Verace Napoletana

(ASCA) - Roma, 20 gen - L'Associazione Verace Pizza Napoletana (Avpn) partecipera' al Pizza World Show, il primo appuntamento internazionale interamente dedicato alla filiera della pizza, in...

Dolce Vita

Dolce Vita

A due passi da piazza Garibaldi, in centro a Parma, e precisamente in via Farini, zona della movida parmense;

Da Cecco

Da Cecco

Il Ristorante Pizzeria Da Cecco, è il punto di riferimento per tutti coloro che, per lavoro o svago, cercano un locale accogliente per una serata rilassante all'insegna del sapore.

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

risottoneroForse non tutti sanno che le seppie, come le vongole e le cozze, sono dei molluschi ma prive del guscio esterno.

Il loro liquido scuro e denso è molto usato in cucina. La seppia, infatti, è molto apprezzata come ingrediente principe di molte ricette del Belpaese.

 

 

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà medio alta

Tempo  un’ora

INGREDIENTI

 

300 gr di riso per risotti

300 gr di seppie pulite

2 vescichette con il nero

Brodo di pesce o verdure

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

Mezzo bicchiere di vino bianco

1 ciuffo di prezzemolo

6 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Sale e pepe

PREPARAZIONE

Tagliate le seppie a rondelle sottili. Sbucciate la cipolla, tritatela finemente e rosolatela a fuoco lento in un tegame con olio. Irrorate con un mestolino di brodo caldo, coprite e continuate la tortura per una decina di minuti, bagnando quando necessario. Poi, unite l’aglio sbucciato ed eliminatelo dopo un minuto, a questo punto aggiungete le seppie e continuate la rosolatura per 2 o 3 minuti. Innaffiate con il vino e unite il nero, salate, pepate e cuocete, mescolando per 10 minuti. In un tegame antiaderente a  parte tostate il riso senza alcun condimento per 2 minuti, poi trasportatelo in quello delle seppie, dove per qualche istante lo lascerete insaporire. Bagnate con un paio di mestoli di brodo caldo e portate a cottura, facendo attenzione ad irrorare ogni qualvolta il brodo risultasse assorbito. Prezzemolo fresco tritato e il piatto è pronto.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Un primo piatto “povero” della cucina toscana, dall’origine certamente contadina.
Sua maestà il pomodoro ha infiniti impieghi in cucina.
A Novembre le vostre tavole saranno abbellite e gustose con questo prezioso “fiore d’inverno” il radicchio.
Questa di seguito è la ricetta per preparare una cotoletta speciale.
Dal 1998 i maccheroncini di Campofilone sono stati riconosciuti come prodotto tipico-tradizionale della regione Marche con decreto legislativo n.173.
I mari circostanti l’isola di Procida offrono una grande varietà di pesce tra queste acque infatti non è difficile riuscire a catturare dei bei esemplari di pescatrice.Se si avesse la fortuna di soggiornare sull’isola d’Arturo poi il piacere sarebbe raddoppiato [...]
La cultivar majatica ha drupe piuttosto grandi, con il nocciolo piccolo rispetto alla massa della polpa, caratteristica fondamentale per un’infornatura ideale, che richiede olive a maturazione piena, consistenti e di grandi dimensioni.
I matuffi un piatto  tipico della Versilia.
Una delizia per il palato questa variante della Carbonara classica.
Quest’anno le castagne si sono ammalate, colpa di un virus.
Protagonista dell’autunno e di ottobre è senz’altro la zucca.
Le noci ricche di omega-3, calcio, magnesio, acido folico e antiossidanti oltre ad essere un toccasana per i diabetici, perché a bassissimo indice glicemico, renderanno la vostra pelle più bella.
In Italia la pesca di questo pesce avviene durante il periodo estivo, soprattutto  nello specchio di mare antistante lo stretto di Messina, perchè essendo il suo periodo di riproduzione si avvicina moltissimo alle coste.
I piselli freschi si trovano solo in primavera e sono particolarmente deliziosi. Per preparare questa ricetta tutto l’anno si possono usare quelli surgelati, anch’essi molto buoni. La dose è la stessa del prodotto fresco sgranato.   STAGIONE Marzo, [...]
Un piatto appetitoso grazie al dolce del melone e all’affumicato dello speck in perfetta combinazione. Il melone inoltre sarà il vostro alleato per una tintarella davvero strepitosa. 
Come stuzzicante aperitivo per 4 persone, tagliare gli involtini a rondelle e servirli con una manciata di timo. Si possono anche preparare un giorno prima e lasciarli in frigorifero fino al momento di gratinarli.   STAGIONE Marzo, aprile, [...]
La frittata è fatta! E’ un’espressione che indica che ormai quel che fatto è fatto, non si può più tornare  indietro.
Un ragù reso ancora più gustoso dalla presenza delle salsicce e dei funghi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)