PINTERRE'

PINTERRE'

Il ristorante prepara ottime specialità marinare e la vera pizza napoletana, cotta in forno a legna.

Cuor di lupo

Cuor di lupo

Nel cuore della Maremma Toscana, questo è un luogo, dove si respira aria d'altri tempi, in un casale dell'800 ristrutturato nel rispetto dell'architettura contadina del tempo, è possibile...

Il Carpaccio

Il Carpaccio

Il "Carpaccio" nasce con l'intenzione di creare un dinamico ristorante & pizzeria;

I Ghibellini

I Ghibellini

Nella suggestiva ed unica cornice di piazza San Pier Maggiore si sviluppa su più livelli il ristorante pizzeria I Ghibellini.

La Dantesca

La Dantesca

Il ristorante pizzeria la Dantesca offe un servizio curato e cordiale, come nelle migliori tradizioni.

Redibis

Redibis

Redibis è un ristorante pizzeria di Potenza che propone:

La Bicocca

La Bicocca

Il ristorante , presente sul mercato da 20 anni, è un locale caldo e accogliente, perfetto per trascorrere una piacevole serata con gli amici.

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

risottoneroForse non tutti sanno che le seppie, come le vongole e le cozze, sono dei molluschi ma prive del guscio esterno.

Il loro liquido scuro e denso è molto usato in cucina. La seppia, infatti, è molto apprezzata come ingrediente principe di molte ricette del Belpaese.

 

 

 

 

 

 

 

 

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà medio alta

Tempo  un’ora

INGREDIENTI

 

300 gr di riso per risotti

300 gr di seppie pulite

2 vescichette con il nero

Brodo di pesce o verdure

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

Mezzo bicchiere di vino bianco

1 ciuffo di prezzemolo

6 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Sale e pepe

PREPARAZIONE

Tagliate le seppie a rondelle sottili. Sbucciate la cipolla, tritatela finemente e rosolatela a fuoco lento in un tegame con olio. Irrorate con un mestolino di brodo caldo, coprite e continuate la tortura per una decina di minuti, bagnando quando necessario. Poi, unite l’aglio sbucciato ed eliminatelo dopo un minuto, a questo punto aggiungete le seppie e continuate la rosolatura per 2 o 3 minuti. Innaffiate con il vino e unite il nero, salate, pepate e cuocete, mescolando per 10 minuti. In un tegame antiaderente a  parte tostate il riso senza alcun condimento per 2 minuti, poi trasportatelo in quello delle seppie, dove per qualche istante lo lascerete insaporire. Bagnate con un paio di mestoli di brodo caldo e portate a cottura, facendo attenzione ad irrorare ogni qualvolta il brodo risultasse assorbito. Prezzemolo fresco tritato e il piatto è pronto.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Protagonista dell’autunno e di ottobre è senz’altro la zucca.
Questa pietanza abruzzese si ricollega ai riti propiziatori e pagani.
Questa pasta può essere preparata un giorno prima e lasciata in frigorifero fino al momento di gratinarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola. è [...]
In Umbria a Natale al cappone non si può proprio rinunciare.
Questo clima settembrino non deve scoraggiarci è ancora bello l’happy hour se l’arricchiamo con ricette facili,
Un piatto appetitoso grazie al dolce del melone e all’affumicato dello speck in perfetta combinazione. Il melone inoltre sarà il vostro alleato per una tintarella davvero strepitosa. 
Un piatto versatile ed adatto alle domeniche in famiglia dove a tavola si è numerosi.
Questo clima settembrino non deve scoraggiarci è ancora bello l’happy hour se l’arricchiamo con ricette facili,
Sua maestà il pomodoro ha infiniti impieghi in cucina.
Un sugo che si ispira alla famosa insalata caprese, composta di mozzarella, pomodori, olio d’oliva e origano.
La Boscaiola è una ricetta saporita e nutriente, oltre ad essere rustica e semplice.
Questo delizioso dolce francese,nato da un errore prende il nome da Caroline e Stephanie Tatin,due sorelle che gestivano un Hotel à Lamotte-Beuvron, in pratica sembra che nel preparare in tutta fretta una crostata di mele,inforno’ le mele dimenticandosi [...]
Il filetto cucinato in questo modo è davvero speciale.
La cultivar majatica ha drupe piuttosto grandi, con il nocciolo piccolo rispetto alla massa della polpa, caratteristica fondamentale per un’infornatura ideale, che richiede olive a maturazione piena, consistenti e di grandi dimensioni.
Un piatto appetitoso grazie al dolce del melone e all’affumicato dello speck in perfetta combinazione. Il melone inoltre sarà il vostro alleato per una tintarella davvero strepitosa. 
Il radicchio considerato anche come “il fiore che si mangia” ha un sapore amarognolo, ma delicato.
Ha il sapore dell’autunno questo secondo di carne e funghi.
Dal profondo e rovente Sud Siculo  una ricetta saporita, semplice e veloce. La materia prima è reperibile in internet o nei negozi specializzati della vostra città.             STAGIONE: estate   INFORMAZIONI 2 [...]

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)