Villa dei Principi, sulla riviera di Ulisse una passeggiata tra antico e moderno

Villa dei Principi, sulla riviera di Ulisse una passeggiata tra antico e moderno

C’è un luogo, incastonato nella pittoresca “riviera di Ulisse”, la costa della provincia di Latina, che sembra stia lì proprio per offrire ai moderni viaggiatori un meritato e degno...

Al Poeta

Al Poeta

Costruito nel 1960, Al Poeta Ristorante Pizzeria, prende vita nel Giugno dell'anno 2000, dalle mani di una famiglia modesta e lavoratrice, che ha cercato di dare sempre il massimo, rispettando...

Le Grotte del Funaro

Le Grotte del Funaro

C’era una grotta medioevale stanca di essere un laboratorio per funi fatte a mano.

Cuor di lupo

Cuor di lupo

Nel cuore della Maremma Toscana, questo è un luogo, dove si respira aria d'altri tempi, in un casale dell'800 ristrutturato nel rispetto dell'architettura contadina del tempo, è possibile...

La Dantesca

La Dantesca

Il ristorante pizzeria la Dantesca offe un servizio curato e cordiale, come nelle migliori tradizioni.

Al Corsaro

Al Corsaro

Dal 1962 Al Corsaro, situato nel cuore di Parma, offre piatti di cucina maditerranea e parmigiana.

La magia di Zi Lello

La magia di Zi Lello

Fa parte della storia della cittadina alle falde del Monte Faito, nota per le sue acque e, altrettanto nota, per le sue “magie” preparate con ingredienti semplici, popolari: il latte e il...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

tortano 01Il casatiello detto anche tortano è una preparazione pasquale appartenente alla tradizione napoletana, a mio avviso il re delle pizze rustiche; famosissimo insieme alla mitica pastiera napoletana, è usanza consumarlo il giorno di Pasqua inserendolo nell’antipasto composto da una ricca portata di salumi e formaggi,quello che avanza ovviamente viene consumato nella classica gita "fuori porta" che si svolge il giorno seguente, ovvero il lunedi dell’Angelo

Ingredienti per 6:

1 Kg farina forte, tipo "0"
200 gr di strutto
50gr lievito di birra fresco (oppure 100gr di lievito madre)
2 cucchiai di olio evo
20 gr sale
abbondante  pepe ,macinato fresco
un cucchiaino di miele (serve ad attivare la lievitazione)
300 gr  di acqua circa
Per il ripieno: gr 500 di salumi e formaggi misti tagliati in dadi 
(salame, prosciutto, provolone piccante), 150 gr di pecorino grattugiato.

Procedimento: Mescoliamo un poco di farina gr 100 circa con un po' di acqua intiepidita con il lievito e formiamo un composto molto morbido, copriamo e lasciamo riposare mezz'ora affinchè rigonfi. In un recipiente mettiamo l'acqua (gr. 300) e uniamo la farina a pioggia, impastiamo un po' e inseriamo il panetto lievitato in precedenza,lavoriamo ed inseriamo il sale a metà impasto e metà strutto; dopo aver impastato e lavorato bene il tutto, uniamo l'olio poco alla volta ed il pepe, macinato grosso. Teniamo coperto al caldo caldo fino al raddoppio. Adesso riprendiamo l'impasto ed aaggiungiamo il resto dello strutto impastiamo bene lavorando a lungo,stendiamo la pasta a rettangolo e distribuiamovi su tutta la superficie il pecorino grattugiato ed il misto di salumi, ora arrotoliamo il tutto (avvolgendo dal lato lungo) in modo da otttenere un salsicciotto, riponiamolo in uno stampo a ciambella (diametro 28cm) precedentemente unto; sulla superficie (io non lo faccio) vanno disposte per usanza 4 uova ben lavate coperte da due cordoncini di impasto messi incrociati ora lasciamolo lievitare al caldo ,fino al raddoppio,poi inforniamolo (prima passiamo sulla superficie dell'olio o dello strutto, delicatamente) in forno preriscaldato a 160° per almeno 40', fino a  fino a quando risulterà cotto e di un bel colore oro.

Paola Langella

Magie ai fornelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Il Natale si avvicina e sulla tavola in Emilia Romagna non può mancare il primo piatto costituito dai passatelli, un formato di pasta a base di uova e pangrattato dalla particolare forma cilindrica.
La tiella gaetana è uno di quei piatti da provare almeno una volta; semplice nell’aspetto (non è altro che una focaccia farcita), è però in grado di soddisfare chiunque e al tempo stesso di saziare, essendo un tipico piatto unico. Ciò è dovuto al [...]
La cucina altoatesina è veramente ricca.
La pasta fredda, un vero must dell’estate, sempre gradita da preparare condita a piacimento.Ma con un unico imperativo gli ingredienti devono essere freschi e leggeri.                   STAGIONE Primavera, [...]
Forse non tutti sanno che le seppie, come le vongole e le cozze, sono dei molluschi ma prive del guscio esterno. Il loro liquido scuro e denso è molto usato in cucina. La seppia, infatti, è molto apprezzata come ingrediente principe di molte ricette del [...]
Il radicchio considerato anche come “il fiore che si mangia” ha un sapore amarognolo, ma delicato.
Per festeggiare un’occasione speciale non c’è niente di meglio che un buon piatto di lasagne.
Un sugo che si ispira alla famosa insalata caprese, composta di mozzarella, pomodori, olio d’oliva e origano.
Molti penseranno che non vale la pena di impastare e aspettare ore e ore… ed impastare ancora, invece assicuro che il risultato ripaga di tutto!! Queste colombe non hanno nulla in comune con quelle industriali,sono soffici non di carta pesta,profumate e [...]
Questa pietanza abruzzese si ricollega ai riti propiziatori e pagani.
Una ricetta napoletana doc è senz’altro quella delle Melanzane a Scarpone (Mulignan a’ Scarpon).
Presente in particolar modo nella cucina veneta, la salsa di cren è amata dagli estimatori dei sapori forti e decisi.
Questa pasta può essere preparata un giorno prima e lasciata in frigorifero fino al momento di gratinarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola. è [...]
 In Piemonte durante le feste natalizie e sulla tavola della vigilia non possono mancare gli agnolotti.
Le origini di questo piatto sono da far risalire al 1432, oggi è uno dei piatti simbolo della città di Vicenza.
Dal 1998 i maccheroncini di Campofilone sono stati riconosciuti come prodotto tipico-tradizionale della regione Marche con decreto legislativo n.173.
Il radicchio considerato anche come “il fiore che si mangia” ha un sapore amarognolo, ma delicato.
In Lombardia e in special modo nella città di Como dopo la messa di mezzanotte è tradizione mangiare la busecca.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)