La Gioconda

La Gioconda

La Gioconda è un ritrovo accogliente, dove poter gustare innumerevoli piatti di una cucina delicata, frutto di un'accurata ricerca di ingredienti che si uniscono tra loro per esaltare e deliziare...

Vecchia Matera

Vecchia Matera

Il Ristorante Vecchia Matera è una caratteristica struttura situata all'interno del Sasso Barisano, nel centro storico della città di Matera.

Il Vigneto a Gragnano, dove si uniscono mare e terra

Il Vigneto a Gragnano, dove si uniscono mare e terra

Mare e terra che si uniscono lungo i tornanti dei Monti Lattari, un po' più su del Golfo di Castellammare di Stabia. L'agriturismo “Il Vigneto” di Gragnano è diventato una tappa obbligata...

Risotto in Musica al ristorante Il Quiri

Risotto in Musica al ristorante Il Quiri

Serata speciale sabato 20 luglio, a partire dalle ore 21, al Ristorante Il Quiri di Vinchiaturo (CB).Aperitivo a bordo piscina e poi tutti a tavola per gustare uno squisito Risotto alla...

Alcyone

Alcyone

Alcyone è un famoso ristorante situato sul lungomare di Pescara, punto di riferimento per gli amanti della buona cucina marinara e della pizza napoletana fatta ad arte.

I’ Giuggiolo

I’ Giuggiolo

I giovani Chef insieme a tutto il personale ed ai proprietari, offrono un servizio divertente ma sempre gentile e cortese.

SCALINATELLA

SCALINATELLA

Vieni al ristorante La Scalinatella, nel centro di Bologna, e scoprirai un locale recentemente ristrutturato;

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

bolognfunghiLa rivisitazione autunnale della classica bolognese è strepitosa. Può essere preparata sia utilizzando i funghi porcini freschi che quelli secchi, quest’ultimi velocizzano un po’ la preparazione e sono consigliati a coloro i quali ai fornelli si cimentano da poco.

STAGIONE

Autunno

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà bassa

Preparazione 2h 30 minuti

INGREDIENTI

200 gr di polpa di maiale macinata

300 gr di polpa di manzo macinata

1 cipolla

1 carota

1 costa di sedano

40 gr di funghi porcini secchi

5 cucchiai di concentrato triplo di salsa di pomodoro

Un bicchiere di vino rosso

Un bicchiere di brodo di carne

370 gr di pappardelle

PREPARAZIONE

In acqua tiepida mettere i funghi ad ammorbidire per almeno un 20 minuti. Far soffriggere il trito di verdure in poco olio, la carne rilascerà abbondante grasso. Aggiungere poi la carne e, dopo un’abbondante rosolatura, versare un bicchiere di vino rosso. Quando il vino sarà evaporato aggiungere i funghi con un filo di acqua d’ammollo ben filtrata. Dopo un paio di minuti aggiungere anche la salsa di pomodoro, sale e pepe a piacere, un bicchiere di brodo di carne e continuare la cottura a fuoco basso per un paio d’ore. Cuocere al dente le pappardelle e condirle con il sugo aggiungendo ad ogni piatto, secondo il proprio gradimento, un mezzo cucchiaio di parmigiano reggiano.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Un antipasto sfizioso e saporito.
I fichi, un frutto che ogni settembre non dovrebbe mancare sulle nostre tavole.
Un primo piatto facile da preparare e gustare magari davanti ad un bel film.
Sua maestà il pomodoro ha infiniti impieghi in cucina.
La frittata è fatta! E’ un’espressione che indica che ormai quel che fatto è fatto, non si può più tornare  indietro.
Da giugno a settembre onnipresenti sui banconi del marcato, gli ultimi di ottobre sono altrettanto gustosi.
Il Natale si avvicina e sulla tavola in Emilia Romagna non può mancare il primo piatto costituito dai passatelli, un formato di pasta a base di uova e pangrattato dalla particolare forma cilindrica.
Non riesco a resistere dall’acquistarli quando vedo questi funghi,stavolta ho voluto sposarli al bianco Fiano di Avellino,e come se non bastasse l’ho voluto accompagnare da un piccolo assaggio di Castelmagno in fonduta,le noci tritate hanno fatto il [...]
La frittata è fatta! E’ un’espressione che indica che ormai quel che fatto è fatto, non si può più tornare  indietro.
La cucina altoatesina è veramente ricca.
Le origini di questo piatto sono da far risalire al 1432, oggi è uno dei piatti simbolo della città di Vicenza.
Questo clima settembrino non deve scoraggiarci è ancora bello l’happy hour se l’arricchiamo con ricette facili,
Un ragù reso ancora più gustoso dalla presenza delle salsicce e dei funghi.
 In Piemonte durante le feste natalizie e sulla tavola della vigilia non possono mancare gli agnolotti.
Un sugo che si ispira alla famosa insalata caprese, composta di mozzarella, pomodori, olio d’oliva e origano.
Correva l’anno 1250, quando Manfredi di Svevia, re di Sicilia, in guerra contro il papato, arrivava nel Sannio.
Voglia di mediterraneo? Niente di meglio che un bel risotto magari da gustare freddo e come piatto unico di ritorno da una lunga giornata di mare.
Le origini di questo piatto sono da far risalire al 1432, oggi è uno dei piatti simbolo della città di Vicenza.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)