Villa dei Principi, sulla riviera di Ulisse una passeggiata tra antico e moderno

Villa dei Principi, sulla riviera di Ulisse una passeggiata tra antico e moderno

C’è un luogo, incastonato nella pittoresca “riviera di Ulisse”, la costa della provincia di Latina, che sembra stia lì proprio per offrire ai moderni viaggiatori un meritato e degno...

Al Poeta

Al Poeta

Costruito nel 1960, Al Poeta Ristorante Pizzeria, prende vita nel Giugno dell'anno 2000, dalle mani di una famiglia modesta e lavoratrice, che ha cercato di dare sempre il massimo, rispettando...

Le Grotte del Funaro

Le Grotte del Funaro

C’era una grotta medioevale stanca di essere un laboratorio per funi fatte a mano.

Cuor di lupo

Cuor di lupo

Nel cuore della Maremma Toscana, questo è un luogo, dove si respira aria d'altri tempi, in un casale dell'800 ristrutturato nel rispetto dell'architettura contadina del tempo, è possibile...

La Dantesca

La Dantesca

Il ristorante pizzeria la Dantesca offe un servizio curato e cordiale, come nelle migliori tradizioni.

Al Corsaro

Al Corsaro

Dal 1962 Al Corsaro, situato nel cuore di Parma, offre piatti di cucina maditerranea e parmigiana.

La magia di Zi Lello

La magia di Zi Lello

Fa parte della storia della cittadina alle falde del Monte Faito, nota per le sue acque e, altrettanto nota, per le sue “magie” preparate con ingredienti semplici, popolari: il latte e il...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

cannellonigranoQuesti cannelloni, sono una ricetta tradizionale della Campania, molto cucinata nel periodo di Ognissanti. Possiede molti pregi perché oltre ad essere gustosa è un buon piatto dal punto di vista nutrizionale.

STAGIONE

tutte

INFORMAZIONI

6 persone

Difficoltà bassa

Cottura 1 h

Preparazione  1h e 90 minuti

INGREDIENTI

100 gr di farina 00

150 gr di grano cotto di agricoltura biologica

1 uovo

2 salsicce

1 carota

1 gambo sedano

1 spicchio d’aglio

2 cucchiai di olio d’oliva

1 cipolla

1 passata di pomodoro da 250 gr

50 gr di pecorino grattugiato

PREPARAZIONE

Lasciare il grano in ammollo come da istruzioni riportate in confezione, poi precuocerlo. Per prima cosa preparate i cannelloni all’uovo, preoccupandovi che vengano sottili. Mentre la loro pasta riposa, mondate e lavate le verdure, fate un trito fine con foglie di sedano, aglio e cipolla, poi tagliate a dadini la carota. Fate soffriggere le verdure in poco olio, togliere la pelle alla salsiccia ed unitela alle verdure. Infine aggiungete il grano cotto, che farete saltare con il resto degli ingredienti per almeno 5 minuti. Unite 4 cucchiai di passata di pomodoro, regolate di sale, mescolate e spegnete. A parte fate restringere la restante passata con aglio ed una presa di sale. Alla fine tagliate i rettangoli di pasta per fare i cannelloni e riempiteli con due cucchiai di composto di grano, poi, arrotolateli. Fate uno strato di salsa di pomodoro sul fondo della teglia, poi sistemate i cannelloni ripieni di grano. Fate attenzione che i cannelloni non si tocchino altrimenti al momento di servirli si romperebbero. Ricoprite i cannelloni con la salsa cosi non si secca e cuoce meglio, terminate con una spolverata di pecorino. Ora infornate per 25 minuti a 180° , servirli ben caldi. 

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Questa pietanza abruzzese si ricollega ai riti propiziatori e pagani.
Troppo torrida la temperatura, il mare e la terra ci corrono in soccorso con le proprie delizie.   Un riuscito connubio tra mare e terra, fresco e facile da preparare restituirà alla giornata una piacevole [...]
In Lombardia e in special modo nella città di Como dopo la messa di mezzanotte è tradizione mangiare la busecca.
In Friuli Venezia Giulia il pranzo di Natale ha come protagonista oltre alla trippa, la brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino.
Correva l’anno 1250, quando Manfredi di Svevia, re di Sicilia, in guerra contro il papato, arrivava nel Sannio.
Le origini di questo piatto sono da far risalire al 1432, oggi è uno dei piatti simbolo della città di Vicenza.
Dal 1998 i maccheroncini di Campofilone sono stati riconosciuti come prodotto tipico-tradizionale della regione Marche con decreto legislativo n.173.
La ricetta riportata di seguito è una rivisitazione di quella mantovana.
Una delizia per il palato questa variante della Carbonara classica.
Un piatto appetitoso grazie al dolce del melone e all’affumicato dello speck in perfetta combinazione. Il melone inoltre sarà il vostro alleato per una tintarella davvero strepitosa. 
Per sfiziosi Happy  hour approfittando di scampoli d’estate.
In Umbria a Natale al cappone non si può proprio rinunciare.
In Umbria a Natale al cappone non si può proprio rinunciare.
La prima volta che assaggiai le lingue di bue non ricordo quante ne mangiai….troppe ! Sono irresistibili queste delizie originarie di Procida, anche Elsa Morante e Alberto Moravia,che erano frequentatori dell’isola,erano soliti assaggiare questa delizia [...]
Ha il sapore dell’autunno questo secondo di carne e funghi.
Un piatto appetitoso grazie al dolce del melone e all’affumicato dello speck in perfetta combinazione. Il melone inoltre sarà il vostro alleato per una tintarella davvero strepitosa. 
La zucca è buona e nutriente.
Sulla tavola di Natale imbandita a festa a Roma non può mancare la portata costituita dalle puntarelle.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)