Fuori le Mura

Fuori le Mura

Il Ristorante Fuori le Mura prende il nome dalla posizione in cui è situato, a ridosso delle antiche mura di Potenza, appunto delizia i palati dei propri clienti fin dal 1965.

Al Cristallo

Al Cristallo

 Al Cristallo offre una cucina di carne e di pesce in grado di soddisfare ogni esigenza, accompagnata da un'ampia cantina di vini.

Tira...baralla

Tira...baralla

Il Ristorante Pizzeria Tira...baralla è un antico ritrovo dei più autentici sapori toscani.

I Gemelli diversi

I Gemelli diversi

Ristorante Pizzeria I Gemelli diversi è un locale a gestione familiare a ridosso del centro di Modena.

Margutta

Margutta

Il Margutta RistorArte nasce nel 1979, dall’idea di Claudio Vannini che decide di fondare il primo circolo di cultura vegetariana provando a trasmettere ai suoi ospiti, attraverso il piacere del...

Due Torri

Due Torri

Dopo il terremoto del 1980, nasce a Potenza, in un'antica torre aragonese nel centro storico della città, il Ristorante Due Torri  e subito diventa  un punto di riferimento sul...

Al Poeta

Al Poeta

Costruito nel 1960, Al Poeta Ristorante Pizzeria, prende vita nel Giugno dell'anno 2000, dalle mani di una famiglia modesta e lavoratrice, che ha cercato di dare sempre il massimo, rispettando...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

tagliatellefianoNon riesco a resistere dall’acquistarli quando vedo questi funghi,stavolta ho voluto sposarli al bianco Fiano di Avellino,e come se non bastasse l’ho voluto accompagnare da un piccolo assaggio di Castelmagno in fonduta,le noci tritate hanno fatto il resto… una sinfonia di sapori boschivi erbacei che armonizzano con l’intenso e delicato sapore del vino.Vi ho tentato ? Provate nelle prossime festività… :)

Ingredienti per 4 : Gr 350 di Tagliatelle (non all’uovo ) – gr 500 di funghi di pioppo – gr 70 di Castelmagno - 200 ml di latte – 2 cucchiani di amido di mais – gr150 di macinato di bovino - 1 cipolla piccola bianca - 6 cucchiai di olio extra v.o. – 1 bicchiere di vino bianco Fiano di avellino (io ho usato Villa Raiano ) – sale – pepe frasco macinato (io ho usato i grani del paradiso Cannamela ) -

Procedimento : In un tegame basso e largo facciamo appassire la cipolla ed aggiungiamo il macinato di bovino,lasciando soffriggere un po’ e poi portando quasi del tutto a cottura sfumando con un po’ di fiano,ora aggiungiamo anche i funghi lasciamo cuocere a fuoco abbastanza vivace per un paio di minuti poi uniamo altro vino(1/2 bicchiere ), ultimiamo la cottura salando e pepando e rimestando delicatamente di tanto in tanto,badando che il tutto non asciughi troppo perchè la pasta assorbirà condimento .Cuociamo le tagliatelle molto al dente e passiamole nel tegame con i funghi e lasciamo insaporire il tutto due minuti a fuoco moderato .Da parte avremo preparato nel frattempo in un petolino la nostra fondue,sciogliendo l’amido di mais nel latte mettendolo sul fuoco e sempre mescolando lasciandolo addensare,infine aggiungendo il castelmagno grattugiato .Impiattiamo le tagliatelle accompagnandole con un po’ di fonduta e prezzemolo e noci tritati.

Paola Langella

Magie ai Fornelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Questa pasta può essere preparata un giorno prima e lasciata in frigorifero fino al momento di gratinarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola. è [...]
Forse non tutti sanno che le seppie, come le vongole e le cozze, sono dei molluschi ma prive del guscio esterno. Il loro liquido scuro e denso è molto usato in cucina. La seppia, infatti, è molto apprezzata come ingrediente principe di molte ricette del [...]
In Friuli Venezia Giulia il pranzo di Natale ha come protagonista oltre alla trippa, la brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino.
I fichi, un frutto che ogni settembre non dovrebbe mancare sulle nostre tavole.
Sulla tavola di Natale imbandita a festa a Roma non può mancare la portata costituita dalle puntarelle.
Protagonista dell’autunno e di ottobre è senz’altro la zucca.
Troppo torrida la temperatura, il mare e la terra ci corrono in soccorso con le proprie delizie.   Un riuscito connubio tra mare e terra, fresco e facile da preparare restituirà alla giornata una piacevole [...]
Una ricetta d’autunno, dopo l’afa estiva e con l’arrivo dei primi temporali, vien voglia di gustare qualcosa di caldo per temprarsi un po’.
Insieme ai Natalin, ossia i maccheroni, i ravioli alla genovese hanno da sempre aperto il pranzo di Natale ligure.
Un bel secondo gustoso e delicato.
Come stuzzicante aperitivo per 4 persone, tagliare gli involtini a rondelle e servirli con una manciata di timo. Si possono anche preparare un giorno prima e lasciarli in frigorifero fino al momento di gratinarli.   STAGIONE Marzo, aprile, [...]
Una ricetta napoletana doc è senz’altro quella delle Melanzane a Scarpone (Mulignan a’ Scarpon).
Come stuzzicante aperitivo per 4 persone, tagliare gli involtini a rondelle e servirli con una manciata di timo. Si possono anche preparare un giorno prima e lasciarli in frigorifero fino al momento di gratinarli.   STAGIONE Marzo, aprile, [...]
Troppo torrida la temperatura, il mare e la terra ci corrono in soccorso con le proprie delizie.   Un riuscito connubio tra mare e terra, fresco e facile da preparare restituirà alla giornata una piacevole [...]
Questa pietanza abruzzese si ricollega ai riti propiziatori e pagani.
Un piatto interamente siciliano.
I cappelletti in brodo sono un piatto classico del Natale toscano e romagnolo e di altre occasioni festive, come la Pasqua.
Una combinazione saporita quella del pesce persico e i funghi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)