La Stazione

La Stazione

Nasce nel 1983 il nuovo Ristorante Pizzeria La Stazione.

Torna la serata dedicata al baccalà

Torna la serata dedicata al baccalà

A grande richiesta, ritorna la serata dedicata interamente all'arte del baccalà presso la Trattoria Scugnizzi (Via Caldieri 53/61). Mercoledì 17 aprile, a partire dalle ore 20.30, un menu...

Add'o Guaglione

Add'o Guaglione

La pizza “Champions”? Solo Add’o Guaglione Il “maestro” della pizza fritta con il Napoli nel cuore. Add’o Guaglione, storica pizzeria di via Consalvo a Fuorigrotta gestita da Salvatore...

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini

Ai Cappuccini è un ristorante di nuova apertura;

Da Mario

Da Mario

Il ristorante Da Mario è collocato nel centro storico di Matera e nasce nel 1951.

Il Carpaccio

Il Carpaccio

Il "Carpaccio" nasce con l'intenzione di creare un dinamico ristorante & pizzeria;

Ritorna la Sagra del Mare Flegrea

Ritorna la Sagra del Mare Flegrea

La Sagra del Mare Flegrea è arrivata, quest’anno, alla sua XXIII edizione, nella splendida cornice di Monte di Procida, conosciuta come la "terrazza dei Campi Flegrei".L’evento è ormai...

  
  ... seguici anche su    fb       youtube

melanzanescarponeUna ricetta napoletana doc è senz’altro quella delle Melanzane a Scarpone (Mulignan a’ Scarpon). Non sono un piatto leggero e nemmeno rapido, ma sono paradisiache.

STAGIONE

Tutte preferibilmente i periodi delle melanzane

INFORMAZIONI

4 persone

Difficoltà media

Preparazione 60 minuti

INGREDIENTI

6 melanzane napoletane

4 pomodorini del piennolo o cieliegini  freschi

1 spicchio d’aglio

1 manciata di capperi dissalati

1 manciata di olive nere di Gaeta snocciolate

Basilico

Pepe

Olio extravergine di oliva

La mollica del pane raffermo

100 gr di scamorza affumicata o fior di latte

Pecorino grattugiato

Qualche acciughetta

PREPARAZIONE

Lavare bene le melanzane, spuntarle e tagliarle a metà nel senso della lunghezza. Scavarle al centro togliendone la polpa e riponendola a parte. Quest’ultima poi sarà tagliata a dadini e fritta. In abbondante olio per friggere caldo da entrambi i lati friggere le melanzane, scolarle e metterle ad asciugare dell’olio in eccesso su carta assorbente da cucina. Nello stesso olio friggete pure i dadini di polpa, dorateli. Poi con una schiumarola toglieteli e metteteli su carta assorbente. In una padella a parte con olio d’oliva imbiondite uno spicchio d’aglio, i pomodorini, le olive, i capperi e lasciateli sul fuoco per 10 minuti. Nel contempo, tagliate a pezzi la scamorza. Togliete il sughetto dal fuoco e aggiungetegli la polpa, il pecorino grattugiato e la scamorza, amalgamando bene. Rivestite una teglia di carta forno e disponetegli le melanzane riempite fino all’orlo del composto più un’acciughetta, se fosse di vostro gradimento, guarnite anche con la rimanente scamorza cruda e basilico fresco. Infine infornarle a 180° e regolatevi con la cottura, in base alle precedenti cotture effettuate le melanzane al forno sosteranno dai 5 ai 20 minuti. Una volta cotte, servirle calde o fredde il successo è ugualmente assicurato.

Algise

Condividi con...

Cerca nel sito...

MagicLand con noi!

Approfitta del nostro sconto esclusivo!!!
180X300

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)

Questi deliziosi stuzzichini si conservano ottimamente in frigorifero per 3-4 giorni circa. Gustarli ben scaldati nel forno. In alternativa possono anche essere congelati, per essere tirati fuori all’occorrenza. Metterli, ancora congelati nel forno a 200°C per il [...]
Da giugno a settembre onnipresenti sui banconi del marcato, gli ultimi di ottobre sono altrettanto gustosi.
Una combinazione saporita quella del pesce persico e i funghi.
Il filetto cucinato in questo modo è davvero speciale.
Dal 1998 i maccheroncini di Campofilone sono stati riconosciuti come prodotto tipico-tradizionale della regione Marche con decreto legislativo n.173.
In Friuli Venezia Giulia il pranzo di Natale ha come protagonista oltre alla trippa, la brovada e muset, una zuppa di rape e cotechino.
La zucca è buona e nutriente.
Gli amanti della millefoglie dolce non potranno non apprezzare ed essere conquistati da questa variante salata.
Il Danubio è una preparazione di origine campana ormai divenuta molto nota per la sua straordinaria bontà,la sua sofficità lo accomuna ad una brioche ma nasconde un ripieno salato che gli conferisce quella nota rustica che lo rende irresistibile,le ricette [...]
Questa pasta può essere preparata un giorno prima e lasciata in frigorifero fino al momento di gratinarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola. è [...]
Molti penseranno che non vale la pena di impastare e aspettare ore e ore… ed impastare ancora, invece assicuro che il risultato ripaga di tutto!! Queste colombe non hanno nulla in comune con quelle industriali,sono soffici non di carta pesta,profumate e [...]
Un bel secondo gustoso e delicato.
La frittata è fatta! E’ un’espressione che indica che ormai quel che fatto è fatto, non si può più tornare  indietro.
Non riesco a resistere dall’acquistarli quando vedo questi funghi,stavolta ho voluto sposarli al bianco Fiano di Avellino,e come se non bastasse l’ho voluto accompagnare da un piccolo assaggio di Castelmagno in fonduta,le noci tritate hanno fatto il [...]
Una ricetta napoletana strepitosa.
Le origini di questo piatto sono da far risalire al 1432, oggi è uno dei piatti simbolo della città di Vicenza.
In Lombardia e in special modo nella città di Como dopo la messa di mezzanotte è tradizione mangiare la busecca.
In Umbria a Natale al cappone non si può proprio rinunciare.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. (Informativa)